giovedì 8 gennaio 2015

Divagazioni zuccherine

Conscio del fatto che purtroppo il mondo ė pieno di malattie gravi devastanti ed inspiegabili, devo ammettere che essere diabetici insulino dipendenti non ė affatto facile.
La tua giornata ė un eterno punto di domanda, misuri tante volte al giorno la glicemia e ti stupisci dei valori alti o bassi che siano, non ti spieghi ipo e iper glicemie, e quando trovi una risposta valida e plausibile il diabete ė pronto a smentirti la volta successiva, sei a volte trascinato in un vortice di sensazioni inpiegabili quanto oggettivamente presenti, e ti sconvolgi nel vedere bambini di tenera età costretti a 4 insuline al giorno, allora rivoltando gli occhi al cielo ringrazi lo stesso Dio che spesso hai chiamato in causa con tono non certo benevolo per quello che ti ė successo dopo i 30 anni.
Sai che il diabete ti sarà amico fedele per tutti i giorni in cui vivrai, e con il tempo imparerai a parlargli ad interrogarlo ed a chiedere spiegazioni, diverrai per forza di cose un tutt'uno con lui e con lui nonostante tutto capirai cosa dirgli e come trattarlo per tenerlo buono, magari ti creerà problemi ma anche no questo solo il fato potrà svelarlo, ma sicuramente come un tatuaggio o un marchio indelebile impresso a fuoco nella tua anima saprai che Lui non vincerà, perché il comandante del viaggio chiamato vita sei tu, e se pur scomodo ed arrogante il diabete sarà sempre un tuo subalterno, un mozzo ai tuoi comandi, ed invidioso ti vedrà diventare generale e nulla potrà ostacolare questa tua ascesa. Sb2015

0 commenti:

Posta un commento